Archive for agosto 2008

Un convertitore in Gamba(s) :D

agosto 12, 2008

Ho trovato questo ottimo convertitore, che consiglio ai neofiti di Ubuntu (e a quelli che non hanno tanta voglia di sbattersi :D) fatto in gambas, molto semplice e intuitivo, e converte in pratica tutti i formati; mi raccomando, se dovesse dare problemi – a me non ne ha dati – è una questione di codecs, tutti facilmente installabili via synaptic o apt-get. Poi se non sapete come si chiama nello specifico un codec, potete lo stesso cercare nel nome dei pacchetti con apt-cache search o sempre usando synaptic. Comunque l’importante è assicurarsi di avere il pacchetto w32codecs installato e ffmpeg.

Per installarlo, si può scaricare dal sito http://www.sciallo.net/ConvertIT/Indice.html sotto la voce “download”, dove è presente sia il debian, sia la repository. Scegliete voi la via che preferite, io ho usato la repository (ricordo che si aggiunge o editando il file /etc/apt/sources.list oppure aggiungendo solo il link della repository sotto la voce software di terze parti in sistema–>amministrazione–>sorgenti software)

Buon divertimento!

Annunci

Neo Freerunner: una buona innovazione?

agosto 6, 2008

Ultimamente ho trovato in internet questo interessante smartphone touchscreen basato sul sistema operativo OpenMoko, sistema a sua volta basato sul kernel Linux e quindi sulla licenza GPL. Al che è molto allettante, visto che mi stò interessando a prendere uno smartphone e visto soprattutto le INGENTI RESTRIZIONI di software e hardware del famoso e famigerato “i-Phone 3G”; Come prestazioni, ammetto che l’i-Phone è superiore al Neo; però ora c’è di mezzo la sorte della telefonia mobile del futuro. La vogliamo in mano al Software con Restrizioni, o al cosiddetto “Codice Aperto”? Oltre alle ormai famose restrizioni hardware di Apple, che come sempre crea il suo bel “blocco unico” che se solo si tocca si perde automaticamente la garanzia, e anche solo per cambiargli la batteria bisogna portare il telefono in assistenza (pagando, ovviamente). Il Neo, oltre a essere completamente personalizzabile a livello di software e di interfaccia grafica, può anche essere completamente smontato, e suppongo che non ci siano problemi con la garanzia. L’unico problema è la distribuzione, che in Italia non penso che avverrà, perciò a questo punto si fa prima a comprarlo dall’America, con un notevole risparmio. Anche se, tuttavia, si può acquistare da Germania, Francia e Inghilterra, però con prezzi nettamente superiori (si tratta del doppio del prezzo).

Io, personalmente, preferisco questa nuova frontiera della telefonia mobile; anche se alla fine so che il sistema operativo dell’i-Phone è uno dei più leggeri che esista, secondo me con il continuo sviluppo di questo sistema free edei suoi applicativi possiamo raggiungere livelli anche superiori all’i-Phone, anche magari con un hardware più limitato. Accogliete la sfida? Io, quasi quasi, sì.