Primo Contest di Chimerarevo.com

gennaio 20, 2011

Oggi riprendo a scrivere su questo vecchio blog per segnalare il primo contest di Chimerarevo.com, un blog stupendo che seguo pedissequamente e su cui – raramente xD – scrivo.

Il contest permette di vincere una fantastica borsa sleeve per il proprio notebook!

Per tutte le informazioni del caso, guardate sul sito.
Affrettatevi, scade il 4 febbraio 2011!!!
Alla prossima!

Annunci

Ubuntu 10.04, driver nvidia & Plymouth

maggio 4, 2010

Dopo un bel po’ di tempo, torno a scrivere sul blog spero per aiutare molti che si saranno trovati qui in difficoltà come me.
Questa nuova release di Ubuntu è partita graficamente col piede sbagliato: infatti come molti sanno, una volta installati i driver grafici della scheda grafica di casa nvidia, la nuova splash screen plymouth, sostitutiva di xsplash e usplash, sparisce, e torna soltanto per pochi secondi alla fine del boot (a volta nemmeno lì). Questa cosa non sono è graficamente orrenda, ma inspiegabilmente rallenta pure il boot, ponendo tra il grub e la splash una schermata nera abbastanza lunghetta.
Dunque mi sono adoperato per sistemare questa cosa e, dopo svariati tentativi, ci sono riuscito 😀
Premetto che utilizzo i drivers nvidia scaricati dal sito ufficiale (guardate la guida http://www.ubuntugeek.com/howto-install-nvidia-drivers-manually-on-ubuntu-10-04-lucid-lynx.html ). Mi accingo dunque a spiegare la procedura:
1. per anticipare la splash digitate i seguenti comandi:
sudo su
(inserite la vostra password)
echo FRAMEBUFFER=y > /etc/initramfs-tools/conf.d/splash
2. modificate il file /etc/default/grub, decommentando la linea “GRUB_GFXMODE=” e aggiungendo dopo “=” la vostra risoluzione (usatene una standard, quella che più si avvicina alla vostra, tra 1024×768, 1280×800 o 1280×1024, non ne ho provate di inferiori)
comando per aprire il file: sudo gedit /etc/default/grub
3. modificate il file /etc/grub.d/00_header, cercando la riga che dice set gfxmode=${GRUB_GFXMODE} e aggiungendoci subito sotto quanto segue:

set gfxpayload=RISOLUZIONE

Dove “RISOLUZIONE” è la risoluzione che avete messo nel file precedente.
4. Se non ho dimenticato nulla, è tutto: ora basta aggiornare il nostro grub con:
sudo update-grub
E riavviare. Se tutto è andato bene, dovremmo vedere la nostra splash 🙂

[EDIT]Se non dovesse funzionare (e visto che non sto usando Grub2 sono probabilmente meno affidabile), ho appena trovato un’altra guida per Grub2 che affronta il problema più in profondità http://www.linuxqualityhelp.it/supporto/viewtopic.php?f=25&t=5950 ) [/EDIT]

PS: visto che Grub2 per ora non mi piace, ho reinstallato grub e ho sistemato la splash anche per quello 😀
La procedura per chi usa Grub (1) è la seguente:
1. Come sopra: per anticipare la splash digitate i seguenti comandi:
sudo su
(inserite la vostra password)
echo FRAMEBUFFER=y > /etc/initramfs-tools/conf.d/splash
2. sudo gedit /boot/grub/menu.lst
cercate la stringa del kernel che state utilizzando, la mia per esempio era:

kernel /boot/vmlinuz-2.6.32-21-generic root=UUID=8b0402f8-9a29-4565-bc95-b4187f9a8b85 ro quiet splash

in fondo a questa stringa aggiungeteci il seguente:

vga=0x37B

ora aggiornate grub, con:
sudo update-grub.
Questo è per risoluzione 1280×1024, ma in caso il vostro pc non la supporti grub darà errore e vi dirà di inserirne al volo un’altra, dandovi la scelta: voi provatene un’altra inserendo la stringa che vi da (per esempio, da con codice 37B quella 1280×1024).
Trovata la vostra, ricordatevi il codice (ad esempio, 37B o 37D, che sono due di quelli proposti in quella schermata di grub) e cambiate nel vostro /boot/grub/menu.lst la parte vga= inserita prima, sostituendo “vga=0x37B” con “vga=0xVOSTROCODICE”, dove VOSTROCODICE è ovviamente quello che avete provato prima.
3. A questo punto ri-aggiornate grub (sudo update-grub) e se tutto va bene dovreste avere la vostra splash perfetta 😀
Se incontrate qualche errore/problema, commentate, è possibile che mi stia dimenticando qualcosa, in ogni caso avendo tutti i files sotto mano faccio in fretta a controllare 😉
Spero vi sia utile 😉

PurplePure: Nuova Splash/GDM per Ubuntu 9.10

novembre 2, 2009

Ecco una nuova splash per il nostro Koala:
PurplePure_GDM
PurplePure_GDM2

Queste le due schermate che implementa la nuova splash 🙂

Il file è qui
Ok, visti i recenti problemi, rilascio un tar.gz contenente i files: estraeteli in / , oppure posizionateli voi a mano.
Il file è qui

BlackBuntu: una splash screen per ubuntu 9.10

ottobre 30, 2009

Interessato dalle novità introdotte da xsplash, ho deciso di creare una splash screen / tema GDM per Ubuntu Karmic Koala 🙂

BlackBuntu1.0

L’immagine non rende, ma le luci sotto il logo sono in movimento 😀

il pacchetto .deb è qui
Visto il mancato funzionamento del pacchetto (credo sia un problema di ubuntu 9.10, sicurezza troppo stringente) mi trovo costretto a rilasciare i singoli files.
Scaricate il file blackbuntu.tar.gz e scompattatelo nella / , oppure posizionate uno ad uno i files nelle rispettive directory.
il file è qui
Interested by the new features of xsplash, I decided to create a boot splash / GDM Theme for Ubuntu Karmic Koala 🙂
(see image over)
The image here is not perfect, but the lights move 😀
The .deb package is here
Because somebody told me the package is not working (ubuntu 9.10 problem), I release the single files.
You just have to extract the tar.gz in the / , or you can recreate the directory tree by yourself.
the file is here
Have fun!

Di ritorno dal Linux Day!

ottobre 24, 2009

Oggi ho partecipato al Linux Day di Dalmine (BG), è stata un’esperienza davvero interessante.
Ho avuto modo di vedere in azione macchine con sistema operativo Ubuntu 9.10, la nuova versione non ancora ufficialmente rilasciata (verrà infatti rilasciata settimana prossima), soprattutto ho avuto modo di vedere la potenza del KMS (Kernel Mode Settings) e di constatare che la mia macchina non lo supporta XD.
E ho anche avuto modo di provare 2 HTC Dream, e mi è venuta una certa acquolina in bocca :p
Peccato che fossi il solo ad avere con me l’Openmoko Neo Freerunner, quest’anno 😦
Purtroppo mi sono perso l’unica conferenza che realmente mi interessava (quella sui diritti digitali) 😦 in ogni caso è stato interessante, un’esperienza sempre bella, e ho imparato anche qualche nuova cosuccia (tipo come disattivare il KMS, visto che il mio pc non lo supporta XD).

Darkness_Modded: tema amsn con qualche “rifinitura”

luglio 21, 2009

Vista la nuova compatibilità tra amsn e il protocollo di msn, ho deciso di iniziare a contribuire in qualche modo con amsn, e allora ho detto “perché non fare temi e/o migliorare quelli già esistenti?”
Per ora ho fatto giusto una stupidata, ho reso (IMHO) più carino il tema Darkness by Dyzzi (spero fosse quello XD), uno splendido lavoro, però gli ho fatto qualche aggiustamento secondo i miei gusti:
Schermata-aMSN-
Il file è qui

Parliamoci chiaro: Microsoft e i suoi piani

giugno 30, 2009

[EDIT] ho scoperto che con amsn 0.97.2 è possibile l’invio e la ricezione dei files. Ma questo non significa che non sia avvenuto ciò che ho scritto dopo. Infatti, dal changelog di amsn 0.97.2:
“This release also fixes a major critical bug caused by a recent change in the protocol of the MSN servers that prevents all previous releases from connecting to the server.”
Quelli di amsn sono riusciti ad adattarsi, ma vi sembra giusto? [/EDIT]
In molti sappiamo, dopo la pubblicazione degli halloween documents (su wikipedia vi è un riassunto molto efficace, per chi non sapesse della loro esistenza), che M$ seguisse il progetto “abbraccia, estendi, estingui”, quindi abbracciando degli standard condivisi, estendendoli con nuove funzionalità, poi attraverso quelle nuove funzionalità tentasse di rendere il suo prodotto incompatibile con gli standard; ma ora, Microsoft sta pian piano raggiungendo il suo scopo, e così facendo l’OpenSource potrebbe ricavarne seri danni a livello del cosiddetto “daily use”.
Dall’uscita del nuovo Messenger 2009 di casa Microsoft, è avvenuta una riscrittura del protocollo di trasferimento files, che come noterete ha reso impossibile trasferire files a gente che utilizza altri client msn (non so se ciò è evitato per chi utilizza vecchie versioni di Messenger, ma penso di no, spingendo la gente ad aggiornare).
Inoltre, chi ha Messenger 2009 NON VEDE NEMMENO L’AVATAR DI CHI HA UN ALTRO CLIENT MSN!!!
Spinto dalla curiosità, chiesi ai miei amici (ho sperimentato su più persone, giusto per averne la certezza) di disinstallare il prodotto e di installare perlomeno Messenger 8.5, prodotto comunque valido ed elegante nella sua interfaccia. Avvenuto ciò, utilizzando Messenger 8.5 misteriosamente i problemi sparivano (riuscivo a inviare/ricevere files e gli altri vedevano il mio avatar).
Questo è solo l’inizio della fine.
Vi immaginate una destandardizzazione di protocolli come l’http, l’ftp, o ancora protocolli più fondamentali (ricordo che Microsoft ci ha già provato con l’html, ma ha miseramente fallito – infatti ora Internet Explorer 8 si è adeguato agli standards – ) ?
Questo probabilmente per l’utente finale non è un problema, ma questo fatto è gravissimo e tende a circoscrivere la libertà di chi attua una scelta differente. Probabilemente chi usa MAC dovrà tenersi costantemente aggiornato, e forse dietro un lavoro costante e pesante degli sviluppatori MAC rimarrà compatibile con i nuovi “standard” di M$, ma ciò significa che bisognerà rallentare lo sviluppo dei sistemi per rincorrere Microsoft!
Sempre che ci sia la possibilità di raggiungere i nuovi standard, visto che Microsoft non consegnerà mai i sorgenti dei nuovi protocolli…
Questo è per dire a tutti: non dico di allontanarvi da Microsoft, ma fate il possibile per evitare la fine!
Per esempio, consiglio a tutti di tornare a Messenger 8.5, intanto che si riesce ancora a scaricarlo, perché Microsoft potrebbe anche farlo sparire definitivamente, e dunque l’unica alternativa sarebbe quella della versione 2009… Io lotterò per far sì che il mio sogno non svanisca, e lotterò con i miei sistemi OpenSource e liberi, veramente liberi, contro questa minaccia incombente.

ConvertToAmv: un semplice modo per convertire in AMV su Ubuntu!

maggio 31, 2009

Ho scritto questo semplice applicativo (basandomi su una versione di ffmpeg modificata per convertire gli amv) per permettere a tutti semplicemente di convertire i propri video in amv, unico formato video supportato da alcuni lettori mp3;
Il programma offre una semplice interfaccia in Zenity, e salva il file convertito nella home;
Una volta installato, si può trovare un collegamento al programma in Applicazioni–>Audio e Video.
È scaricabile qui
Spero di esservi stato utile!
Bye!

Nulla è impossibile: BearShare

maggio 1, 2009

Ieri sera sono finalmente riuscito a far funzionare BearShare – il famoso programma di P2P – su Linux!

Ovviamente, ho usato la versione 5.2.5, l’unica che riesce a scaricare a grandi velocità (segna spesso 1-2 mega al secondo).

Per farlo, ho semplicemente ricompilato l’ultima versione di Wine presa dal sito ufficiale, ho preso la cartella del programma, poi da terminale sono entrato nella cartella e ho dato “wine BearShare.exe”.

Finalmente, dopo tanti tentativi, con questa versione di Wine riesco ad utilizzare BearShare – sebbene con qualche problema, come per esempio il fatto che ci metta qualche minuto in più a connettersi e che per esempio non si riesca a visualizzare la scroll bar per navigare tra i risultati di una ricerca, problemi che comunque non mi sembrano gravi, ma anche più gravi, come l’impossibilità di configurarlo (io ho utilizzato direttamente la cartella del programma già installato e configurato su windows, quindi non ne ho avuto bisogno) perché va in crash.

Per ricompilare l’ultima versione di Wine, andare sul sito (http://sourceforge.net/project/showfiles.php?group_id=6241&package_id=77449), scaricare il tarball della versione per developer (attualmente la 1.1.20), estrarla dall’archivio, installare le dipendenze (che sono scritti sul sito, comunque in sostanza i pacchetti di developing di xlib, bison, flex e qualchedunaltro che comunque vi verrà detto durante la compilazione) e poi compilate seguendo il file README

Ciao e buon utilizzo!

Scheda Wireless Atheros e Linux: Cavoli Amari – RISOLTO –

febbraio 13, 2009

[EDIT] Ho risolto il problema! Semplicemente, sul mio pc si deve schiacciare il pulsante per attivare la scheda wireless, soltanto che credevo non fosse gestito il pulsante… Anche perché vedevo che il led non era gestito, rimaneva sempre acceso… Invece basta cliccare sul pulsante e il problema è risolto! [/EDIT]

Io come avrete capito possiedo una scheda wireless Atheros AR2413 (quando mai!!!!!) e dopo mille peripezie sono riuscito a farla ‘funzionare’, ma ho scoperto un problema gravissimo: quando si avvia il pc, non riesce a tirar su l’interfaccia e quindi non va nulla, a meno che non avvio da windows, mi connetto via wireless e poi riavvio da Ubuntu. Non capisco da cosa possa derivare un tale problema, ma so che non è il router questo. Comunque, spiego il procedimento per raggiungere questo semi-risultato:

Ho installato ndiswrapper, reperibile facilmente da Synaptic, e ndisgtk (programmino utilissimo che funge da interfaccia grafica a ndiswrapper; ora per prima cosa blacklistiamo i driver di default, ovvero ath_pci, aggiungendo blacklist ath_pci al file /etc/modprobe.d/blacklist

a questo punto, si può decidere di scaricare i driver wireless di windows da internet (accertandosi che siano della versione giusta della scheda wireless) oppure si può prenderli dal cd di windows. Comunque si trovano con una semplice ricerca della propria scheda wireless su google (per sapere il modello, digitare da terminale “lspci |grep Atheros” -senza virgolette, ovviamente-).

Ora, carichiamo i moduli usando ndisgtk, che si trova in sistema–>amministrazione–>ndisgtk e abbiamo finito!

Ovviamente, se si spegne e si riaccende il router e si ha il mio stesso problema bisogna riavviare da windows e poi di nuovo da ubuntu…

Con Ubuntu Intrepid ottengo questo risultato anche senza usare i driver di windows, ma anche solo con quelli di default, installando i backports del kernel.

Spero possa essere utile a qualcuno. 😉